ARTICOLI

Qui di seguito trovate gli articoli che i nostri soci hanno pubblicato su diverse testate. Buona lettura.

Mentre attendo te, mi prendo cura di me.

Per prenderci cura delle future mamme abbiamo unito le nostre competenze per creare un progetto volto a supportarle dal concepimento, al parto e oltre.

4 sono le nostre attività:

  • supporto psicologico durante la fecondazione medicalmente assistita (PMA)
  • supporto psicologico durante la gravidanza alle donne che sperimentano difficoltà legate ad ansia, panico e/o tristezza
  • prevenzione della depressione post partum e supporto dopo il parto in caso di baby blues
  • corso per la gestione del dolore durante il travaglio

Queste attività non sono rivolte esclusivamente alle mamme, ma aperte anche ai futuri papà.

Se stai per affrontare la PMA o il parto contattaci al 3500261835

Se stai sperimentando ansia, panico e/o tristezza, o soffri di depressione post partum contattaci al 3482965915

PSICOTERAPIA LOW COST en castellano

Podeis contactarnos al 3282498911 (Dra. Calabrese) para recibir mayores informaciones.

Desde hace 20 años la Asociación E.C.O responde a las necesidades de la población colmando los vacios dejados por la sanidad pública. Es por esto que en el 2011 ha empezado un proyecto de soporte a las dificultades psicologicas y sociales que pueda dar respuesta a las exigencias de las personas en este particular contexto historico en el cual es difícil recibir ayuda de los entes públicos o poder tener acceso a una ayuda profesional con un coste al acance de todos.

Es por esto que la Asociación E.C.O recogió la disponibilidad de algunos profesionales de la salud mental que ofrecen sus servicios en parte recibiendo una remuneraciòn y en parte como voluntarios. De esta manera las personas pueden obtener una respuesta a sus problemas y se favorece la solidariedad.

El servicio se ofrece a todos aquellos que sufren de dificultades emotivas y también a quien no tiene dificultades economicas.

Los psicologos y psicoterapeutas de E.C.O son expertos en el sufrimiento psicologico y pueden ayudaros ya seais niños, adolescentes, adultos o parejas a enfrentar problemas como los siguientes:

  • addición y abuso de alcohol

  • proceso del duelo

  • trastornos de ansia y fobias especificas

  • trastornos del estado de ánimo

  • dicultades relacionales

  • crisis existenciales

  • elaboración de traumas y abusos

  • dificultad para cerrar con el pasado

  • trastornos psicosomáticos

ATENCIÓN el servicio es low cost y no gratis. Si pensais de no poder pagar un costo minimo podeis contactar el sevicio público de zona.

Contactadnos al 3282498911 ( Dra. Calabrese) para obtener más información. Os esperamos!

El servicio de psicoterapia low cost está disponible también en castellano.

LABORATORIO SUL CYBERBULLISMO con gli alunni delle elementari

Martedì 6 dicembre, presso la sede Asai di via Genè 12 a Torino, abbiamo proposto un laboratorio sul cyberbullismo a un gruppo di bambini della scuola primaria che frequentano il doposcuola.

Abbiamo chiesto ai bambini se avessero già affrontato, a scuola o in altri contesti, questo argomento e condiviso con loro che se il bullismo è una tematica frequentemente trattata nel contesto scolastico, il cyber bullismo lo è meno. Abbiamo quindi stimolato i bambini a riflettere sulla domanda: cosa si potrà mai fare di male soltanto maneggiando un semplice smartphone, un tablet o un pc?

Il fenomeno del cyberbullismo consiste nella pubblicazione online o nella ricezione tramite cellulare di contenuti falsi, offensivi, dispregiativi o aggressivi; comporta azioni ripetute di esclusione, minaccia o persecuzione verso singoli o gruppi di individui. Inoltre, il cyberbullismo implica frequentemente una violazione della privacy, a volte del codice civile o penale.

Il cyberbullo può mantenersi anonimo o falsare la sua identità; anche se è conosciuto, può essere molto difficile fermare la ricezione di offese e minacce.

Abbiamo mostrato ai ragazzi come sia facile esagerare con le parole o i gesti, soprattutto a distanza, nascondendosi dietro ad un oggetto che ripara dal “metterci la faccia” e fa sentire più forti. Oggi sembra normale litigare in chat, far pace sui Social, fare amicizie o ‘distruggerle’ con un semplice click. La relazione online rende molto più difficile valutare le reazioni della persona con cui si è in contatto.

Nel laboratorio, abbiamo proposto agli alunni alcuni video che raccontano la storia di un bambino come tanti, che frequenta la scuola e cerca di farsi degli amici, di farsi accettare e poter essere parte del gruppo dei pari. Il protagonista dei video, Gaetano, viene preso frequentemente di mira a scuola e fuori, ma i compagni lo scherniscono soprattutto a distanza, attraverso l’utilizzo dei Social network, di chat, di scherzi telefonici. Il gruppo classe percepisce queste azioni come divertenti, e si racconta che anche Gaetano si diverte, poiché non si arrabbia, ma anzi, apparentemente cerca di stare al gioco, nascondendo dentro di sé però molte sensazioni ed emozioni sgradevoli.

I partecipanti al laboratorio si sono dimostrati subito attenti e interessati. Partendo dagli spunti offerti dai video, abbiamo riflettuto insieme su come si sarebbero sentiti loro nei panni dei protagonisti.

Abbiamo cercato insieme ai ragazzi di entrare nel gioco delle parti, immedesimandoci nelle emozioni e nei pensieri di Gaetano, dei compagni che assistono tacitamente agli scherzi e nei ragazzi che li ideano e mettono in pratica. Da subito sono emerse emozioni di delusione, tristezza, rabbia, frustrazione e di impotenza percepita da chi veste i panni della vittima; abbiamo evidenziato anche la posizione di complicità silente dei compagni che permettono ai bulli di mettere in atto gli scherzi, senza intervenire e senza fermare l’escalation di brutalità verso la vittima. I ragazzi hanno condiviso con stupore che un gesto ritenuto scorretto o esagerato spesso non viene fermato o denunciato per paura di divenire a propria volta una possibile vittima, per timore di essere estromessi dal gruppo, oppure per superficialità. Non chiedersi come si possa sentire veramente l’altro che subisce lo scherzo, rende di fatto dei complici.

Infine abbiamo riflettuto insieme su quanto sia difficile sapersi mettere nei panni dell’altro e immaginare le emozioni che prova la persona con cui si è in contatto virtuale, soprattutto senza essere testimoni diretti delle sue reazioni.

I ragazzi hanno partecipato in modo attivo al laboratorio e al termine, hanno portato e condiviso stralci delle loro esperienze personali, evidenziando sensibilità e capacità di ragionamento, ma anche il bisogno di discutere ancora dell’argomento. Siamo speranzosi che questa esperienza abbia gettato il seme per un lavoro di prevenzione, per stimolare una maggiore attenzione all’altro e per iniziare a chiedersi “come starei io al suo posto?

Consuelo Aringhieri e Valentina Congedo

COLLABORA CON NOI

Il nostro progetto di Psicoterapia low cost continua a permettere alle persone che desiderano avere un miglior rapporto con emozioni, pensieri e, perché no?, anche con gli altri.

La richiesta è sempre in crescita e per questo motivo anche noi abbiamo bisogno di crescere. Cerchiamo quindi  2 psicoterapeute/i per ampliare il nostro organico.

Ecco le caratteristiche che ci servono in base alle nostre esperienze pregresse, attività e ai bisogni di chi ci contatta.

Il /la psicoterapeuta deve (condizioni sine qua non):

  • essere specializzato/a
  • avere dimestichezza con i canali social
  • essere aperto/a a collaborare con colleghi con diversi approcci e in differenti contesti di intervento
  • essere disponibile a lavorare a tariffe low cost
  • essere disponibile a fare ore di volontariato (questo perché l’Associazione Eco è un’associazione e non un’azienda)
  • conoscere il manuale diagnostico
  • essere in grado di fare diagnosi
  • avere la partita iva
  • avere almeno 2 pomeriggi-sera liberi da dedicarci e una mattina

almeno 1 terapeuta deve:

  • essere realmente preparato nel trattamento dei disturbi alimentari

Il/la volontario/a è uno/a specializzando/a, che sta frequentando almeno il 3 anno della scuola di specializzazione.

Chi è interessato può mandare il suo cv a ecoassociazione@gmail.com, specificando nell’oggetto: Collabora con noi

GENITORI DI FIGLI TECNOLOGICI: ne abbiamo parlato insieme presso l’associazione Asai

Martedì 13 novembre dalle 17 alle 18.30 presso la sede dell’Associazione Asai di via Genè 12 a Torino, abbiamo incontrato i genitori dei ragazzi del doposcuola e parlato con loro di come essere genitori di figli tecnologici.

I genitori intervenuti sono stati interessati a capire come arginare l’utilizzo massiccio di internet da parte dei loro ragazzi e  come garantire loro una navigazione in sicurezza.

Alla domanda “secondo voi quanto tempo passano on line i vostri ragazzi?” il dato emerso fa riferimento ad almeno 4/5 ore di connessione giornaliera, cui si associa una scarsa concentrazione nello svolgimento dei compiti scolastici, un disinteresse verso le attività off line e, talvolta, anche verso le relazioni con i coetanei.

Il tempo di connessione quindi, ritenuto eccessivo dai partecipanti, è il primo dato importante emerso dall’incontro.

Altra questione riguarda poi il tema della privacy e la condivisione di informazioni e dati sensibili, elemento questo non sempre considerato dai ragazzi e talvolta neppure dagli adulti. Ci siamo soffermati quindi sulla necessità che gli adulti conoscano i rischi di un utilizzo troppo “leggero” della rete, per poi trasmettere questa competenza ai propri figli

Il gruppo di genitori è stato estremamente partecipe ed interessato, le domande sono state tante e lo scambio di esperienze tra partecipanti molto vivace.

L’argomento certo non si è esaurito e nemmeno la curiosità dei partecipanti: il 6 dicembre alle 17, sempre presso la sede dell’Associazione Asai, ci sarà il secondo incontro per rispondere a domande e fornire strumenti di controllo parentale. Mi auguro la stessa partecipazione in termini di numeri e di domande. Intanto grazie a tutti coloro che sono intervenuti!

Dott Stefano Lagona

BASTA ABBUFFATE! ->Percorso di consapevolezza alimentare

Questo percorso esperienziale 8in passato chiamato Basta abbuffate) NON è una psicoterapia di gruppo, ma vuole utilizzare il gruppo come luogo di confronto e di arricchimento. Ciò significa che non si dovranno condividere in gruppo vicende molto personali, ma solo ciò che è finalizzato all’apprendimento di modalità più salutari di convivenza con le emozioni e il cibo.

Per questo motivo questa attività non va in conflitto con un’eventuale psicoterapia individuale, ma anzi, la completa e le dà spinta.

Verranno utilizzate tecniche per trovare un nuovo rapporto con il cibo e gestire la fame emotiva.

Perché scegliere la nostra attività?

La nostra attività è focalizzata:

  • sull’individuare stili di alimentazione più funzionali e soddisfacenti, con il preciso obiettivo di ridurre fino ad azzerare le abbuffate e le attività compensatorie (vomito, uso di lassativi, digiuno, iperattività);
  • sull’imparare a far fronte alle proprie emozioni;
  • sul diminuire i pensieri e le preoccupazioni legati al cibo e al corpo;
  • sul diminuire la tendenza a cedere alle abbuffate.

Affrontiamo il rapporto con il cibo servendoci di tecniche innovative  che permettono di lavorare sulla consapevolezza, sulla perdita di controllo, fornendo strumenti di automonitoraggio dei pasti per far sì che la persona possa poi in autonomia utilizzare le modalità apprese nel gruppo.

Come si svolge l’attività?

L’attività è suddivisa in due parti: una in gruppo ed una a casa.

In gruppo verranno presentate e messe in pratica modalità di approccio consapevole al cibo. A casa gli approcci verranno applicati in autonomia, per poi dare un feedback al gruppo e alle conduttrici nell’incontro successivo.

A chi è rivolto?

A tutti coloro che hanno iniziato mille diete poi interrotte, che quando sono in ansia o arrabbiate aprono il frigo e/o la dispensa, che terminano il pasto senza prestare attenzione al sapore del cibo, che smettono di mangiare solo quando si sentono troppo pieni o è finito il cibo, che si sentono in colpa o falliti dopo aver mangiato.

Che cosa aspettarsi?

La frequentazione del gruppo e l’applicazione degli esercizi proposti porterà ad avere un diverso rapporto con il cibo: più consapevole, mettendo il relazione le emozioni e l’alimentazione, al fine di raggiungere uno stile di vita più equilibrato.

Quando e per quanto?

Gli incontri sono 10 e durano un’ora e mezza ciascuno. I gruppi si incontreranno settimanalmente o il venerdì mattina dalle 9 alle 10.30, oppure ogni due settimane il mercoledì dalle 18.00 alle 19.30. Un gruppo è cominciato mercoledì 14 febbraio (completo). Scrivici per prenotare il colloquio gratuito per formare il nuovo gruppo.  I GRUPPI COMINCIANO TUTTO L’ANNO.

I costi?

I 10 incontri di gruppo di gestione del peso corporeo per un totale di 15 h + 2 sedute individuali costano 200,00 €. Il prezzo include la quota associativa e l’assicurazione.

Per informazioni

Dr.ssa Querin 3396711781

Dr.ssa Pugno 3500261835

ecoassociazione@gmail.com

L’educazione sessuale e affettiva rivolta ai bambini: come, quando e perchè proporla.

Come si fanno i bambini?” La domanda arriva dal basso, dal cervello di un nanerottolo usualmente tenero, ma che in quel momento assume sembianze malefiche. Chiaramente lo spinoso quesito è posto in un momento inaspettato, in cui il genitore è completamente impreparato, a tavola o al supermercato, per esempio. Se il destinatario della domanda è un insegnante, si aggiunge un’ulteriore difficoltà: cosa gli avranno detto i genitori? Gli avranno già spiegato qualcosa? (E anche se se la sente di rispondere) qual è il compromesso tra essere chiaro e non incorrere nelle ire dei genitori?

Vecchie storie narravano così: I bambini nascono sotto i cavoli. Anzi no, li porta la cicogna. Oppure, se la questione proveniva da un ragazzino un po’ più grande, si ricorreva in emergenza a una strana storia di api e di fiori che gli confondeva ulteriormente le idee. Andava meglio a quei bambini a cui veniva risposto che i bambini nascono dall’amore dei genitori, o grazie al semino donato alla mamma dal papà. Per lo meno era qualcosa di più verosimile; probabilmente avevano finto di accontentarsi, aspettando che, un giorno, un amichetto che forse ne sa di più glielo spieghi meglio.

Molti adulti che oggi hanno sui quarant’anni hanno ricevuto come unica forma di educazione sessuale poche ore di spiegazione durante la scuola secondaria di primo grado. Un medico e/o un’ostetrica fornivano informazioni tecniche e asettiche sul sesso e sulla contraccezione, condite dal terrore (sacrosanto) delle malattie sessualmente trasmissibili.

Chi ha esperienza con i bambini sa bene che, già a cinque o sei anni, se non prima, richiedono informazioni pratiche sugli organi genitali, sulla gravidanza e sul parto; sono interessati alla “meccanica” della riproduzione. Sovente ricevono spiegazioni favolistiche o molto parziali a queste domande.

Successivamente, nel periodo fra gli ultimi anni della scuola primaria e quelli delle scuole medie inferiori, i cambiamenti del corpo e della mente conducono i ragazzi verso l’inizio della loro vita sessuale; cominciano a porsi domande sulla sessualità e sui criteri per orientarsi in questo territorio sconosciuto. Avrebbero bisogno degli strumenti per conoscersi, per capire se stessi e l’altro sesso, per prendere decisioni sensate e rispettose di se stessi; invece ricevono le informazioni tecniche che richiedevano cinque o sei anni prima (Veglia F., Pellegrino R., 2003).

Attualmente, l’educazione sessuale e affettiva precoce è considerata una modalità di prevenzione primaria delle gravidanze indesiderate e della trasmissione per via sessuale di malattie infettive. Inoltre, previene forme di sfruttamento, coercizione e abuso, discute pregiuzi e stereotipi legati all’essere maschio o femmina, previene discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere. Le informazioni trasmesse e le competenze promosse sono differenziate e adeguate per fasce d’età, come suggerito dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’educazione sessuale e affettiva è una materia di insegnamento obbligatoria nella maggior parte dei paesi dell’Unione Europea; fanno eccezione alcuni, tra cui, purtroppo, l’Italia. Perciò è necessaria una collaborazione tra le diverse agenzie educative, la scuola e la famiglia prima di tutto, nell’offrire a bambini e ragazzi la possibilità di avere informazioni e adulti e coetanei con cui discuterne.

L’educazione sessuale e affettiva non invita a fare sesso, ma si propone il delicato e fondamentale compito di preparare a relazioni adulte reciprocamente consensuali e rispettose del partner. Certo, non sempre ci si può improvvisare nel trattare un tema così intimo, ancora fonte di imbarazzo e tabù. Si invita i lettori a dare uno sguardo alla piccola bibliografia dell’articolo come punto di partenza per informarsi sull’argomento. Inoltre, l’Associazione Eco promuove corsi mirati, destinati a genitori, nonni, insegnanti ed educatori per riflettere sulle parole e sulle modalità con cui spiegare la sessualità a bambini e ragazzi.

I bambini ci spiazzano con le loro domande sull’amore, sulle differenze tra maschi e femmine e sull’origine della vita. Hanno bisogno di adulti che possano rispondere serenamente alle loro curiosità, in modo semplice e concreto, senza trascurare il significato relazionale della sessualità e le emozioni che accompagnano le diverse fasi della crescita.

Dr.ssa Valentina Congedo

Bibliografia

Del Re G., Bazzo G., 1997, Educazione sessuale e relazionale affettiva. Unità didattiche per la scuola primaria, Erickson Edizioni, Trento. 

Veglia F. , Pellegrini R., 2003, C’era una volta la prima volta. Come raccontare il sesso e l’amore a scuola, in famiglia, a letto insieme, Erickson Edizioni, Trento.

http://www.fissonline.it/pdf/STANDARDOMS.pdf

http://www.napolicittasolidale.it/portal/punto-di-vista/6247-capire-l-amore.html

http://www.valigiablu.it/educazione-sessuale-scuole/

workshop gratuito per i professionisti della salute

WORKSHOP GRATUITO IN
TECNICHE DI RILASSAMENTO
E RIDUZIONE DELLO STRESS – presentazione master

Principali TECNICHE:
Training autogeno
Mindfulness based therapy
Ipnosi Ericksoniana
Rilassamento progressivo di Jacobson

Per APPRENDRE COME:
Rilassarsi e recuperare le energie
Gestire ansie e stress, prevenire il burn out
Relazionarsi efficacemente col paziente
Intervenire con i pazienti su: disturbi d’ansia e depressivi,  psicosomatici, alimentari, dissociativi
29/09/2018 ore 10,00
presso APRI Onlus
Via Nizza 151 Torino

RECENSIONI MASTER

Si è da poco concluso il primo Master in tecniche di rilassamento e riduzione dello stress.

Ecco il riscontro dei partecipanti che hanno acconsentito alla pubblicazione.

 

Ho apprezzato il master sulle tecniche di rilassamento e riduzione dello stress innanzitutto per il taglio esperienziale. Inoltre ho gradito la disponibilità e la competenza nel rispondere a tutte le domande sul piano dell’utilizzo professionale e personale delle tecniche oggetto di apprendimento. Last but not the least: il tutto è avvenuto in un setting che ha dato risalto anche al gruppo come risorsa per la condivisione e come strumento di lavoro.
E.G.
Ho frequentato il corso di training autogeno e sono rimasta molto soddisfatta . Ho apprezzato molto anche l’alta professionalità del docente e la sua disponibilità nel seguirci durante l’intero percorso. Ho già iniziato ad applicare il metodo con alcuni pazienti. Ho apprezzato molto anche l’organizzazione del master nella sua totalità .
G.B.
Sono molto felice di aver partecipato a questo master, che si è rivelato, per me, talvolta impegnativo, ma sempre interessante e formativo.
Ho apprezzato molto il “taglio” pratico della formazione e la professionalità con il quale è stato condotto. Sono molto soddisfatta degli strumenti acquisiti.
V.O.
L’esperienza di questo master è stata ottimale sia da un punto di vista formativo che umano.
Formativo per la centralità che è stata data all’apprendimento delle tecniche tramite un taglio pratico e concreto. Ciò mi ha permesso di comprendere appieno come utilizzare le tecniche. Sperimentare su di noi allievi le varie modalità credo che sia lo strumento migliore per imparare come e quando trarne spunto nella pratica clinica.
Dal punto di vista umano ho apprezzato molto la scelta del piccolo gruppo in cui è possibile condividere e riflettere insieme sulle varie tecniche. Inoltre, i nostri tre docenti sono stati molto disponibili e competenti nell’aiutarci a comprendere il senso più profondo delle tecniche.

Insomma per me è stata un’esperienza molto positiva da tutti i punti di vista.

I.C.

PSYCHOTHERAPY IN ENGLISH (TURIN AND SKYPE)

For more information contact us!

Dr. Valeria Lussiana tel 3402248813

ULYSSES SYNDROME: WHEN LIVING ABROAD IT’S TOUGH!

PSYCHOTHERAPY IN ENGLISH (TURIN AND SKYPE)


In total, at this moment one billion of the inhabitants of the planet

lives the experience of emigration.

A third of humanity feels psychologically on the starting foot,

available or forced, lured or resigned

to begin again a life “elsewhere”.

(Federico Ramponi, 2012)

Associazione Eco has been proposing the “Low cost Psychoterapy” Project for 7 years now with the aim of giving to all those who request it, in financial troubles or not, the possibility to do a quality psychotherapy at low prices.

The initiative has been very successful, spreading above all among the students and young workers of Turin and the Province. In the last two years, however, we have noticed that requests from patients of foreign origins have increased, as have those of who have moved from Italy for study and work reasons.

In particular we worked, in the studio or via Skype, with people coming from or residing in different parts of the world: Morocco, Iran, Great Britain, Madagascar, Turkey, Romania, Peru, Germany, Austria, Holland, Portugal, Great Britain, USA , China.

Working with this group of people has allowed us to deepen the experiences of those who move to a foreign land and some critical issues that unite those who are facing such a big change have emerged.

The decision to leave can be dictated by the desire to make new experiences, to meet new people, to learn a language and to immerse oneself in a context different from one’s own or even to test oneself; in other cases it may not be the result of a free choice but of the urge to find a job or to meet the request of your company, or the needs of a partner forced to relocate.

Whatever the reason behind it, leaving is a complex psychological experience for everyone. It involves a phase of physiological crisis, because it forces a radical reorganization of one’s life that affects, at least momentarily, one’s sense of identity. In fact, the ties with significant people, one’s own things, language, climate and habits are lost and initially a strong feeling of extraneousness towards the new living environment can take over.

This situation goes by the name of Ulysses Syndrome, or emigrant syndrome, and can lead to idealize your country of origin, in which everything was beautiful and idyllic and to devalue the country of arrival, as a source of discomfort or suffering. Likewise, the exact opposite can also occur, once can elevate the host country as a promised land for the resolution of all his problems and denigrate his country as a place from which it was necessary to flee, the cause of all evil.

Both these behaviors, if led to the extreme, can be considered emotional disorders, in which the exaltation or excessive devaluation of one place or the other is the result of a distortion of reality on the wave of emotion.

This happens because finding oneself in an unexplored field can cause a certain emotional imbalance and lead to feelings of discomfort, if not fear, having to face a situation of change with the consequent fear of failure or loneliness or, more simply, feelings of anxiety for the breaking of the previous balances and the unknowns that will come.

The points of tension that can arise usually revolve around these 4 hinges:

Loneliness: at the beginning it may not be easy to find yourself far from your own affections and surrounded by people, even pleasant and nice, but with whom you haven’t shared a lot yet. Building solid and deep relationships takes time and you can feel nostalgic for your close friendships and struggling for the absence of moments of sharing and outburst.

Fear: this emotion, normal in every phase of transition, can concern the fear of change, the fear of not making it, of not being able to adapt, of not being able to fit in or fail and disappoint. When things do not go as you hoped or you are facing more obstacles than expected, you can experience depression, anxiety, insecurity and dissatisfaction with yourself.

The strangeness and the disorientation: starting your life in another country calls into question all your own points of reference. The safety and habits that we had before leaving collided with a new context, a new home, new rhythms and customs, different foods, but also new convictions, new passions or goals. Changing is certainly positive in terms of personal growth but involves a sort of eradication from one’s own past when, however, the destination background is still under construction.

In this phase, you can feel divided between two worlds: letting yourself be contaminated by the “adoptive” culture is necessary for the insertion to be successful, but at the same time it is important not to give up entirely to your own! In fact, identity is a structure that continuously shapes itself according to our interactions, to the relationships we establish with others and to our culture of belonging. Keeping the ability to perceive yourself constant in this continuous fluctuation of situations and meetings may not be easy and can cause feelings of strangeness.

Relationship management: usually, the choice to move concerns the person who decides or is forced to make the leap and is exclusively for the good of the same. Family members, classmates or friends, however they may dissimulate sadness and try to be happy and supportive, will suffer a removal that may not be easy to deal with. This awareness can lead to feelings of guilt in those who leave or concern for those who stay.

Moreover, although moving today has become easier and faster, it will not be possible to come home whenever you want to. Making choices, therefore, becomes necessary but also very difficult: better to return for the wedding of the best friend or for grandpa’s 90th birthday party?

Moreover, although desired, reunions after long separations are delicate moments that can also cause tensions: it is about re-knowing eachother, even close relatives, and rebuilding each time contact and relationship. For all these reasons, relationships can suffer from distance and end up deteriorating or stopping if we do not find effective ways of managing the emotional experiences.

All of these elements can affect our psyche and our body through symptoms such as:

Respiratory difficulties

Eating or sleeping disorders

Disorientation and dissociative symptoms

Apathy or depression

Isolation and difficulty in socialising

Anxiety and panic attacks

Sudden or uncontrollable crying

Nervousness

Excessive worry and recursive thoughts

Headache, nausea and other psychosomatic disorders

However, despite the condition of “migrant” now affects more than a third of humanity, the psychological distress of these people is poorly thought out and recognized. Living in an era in which, thanks to smartphones and technology, it is possible to greatly shorten the physical distances and overcome the spatial barriers we are building a common idea of ​​”citizens of the world“, able to move and adapt without limits and without any kind of emotional repercussion; as if the normal feelings of unease or nostalgia were now a hindrance to productivity and progress.

In the exercise of our professional activity it has also happened to come across people who, after returning from work or study experiences abroad, present psychological problems that are now chronic because they were experienced in solitude and without adequate support. Their suffering would certainly have been more contained if they could have found someone abroad to treat the illness at the very moment it was manifested. Often this happens due to the absence of a common language that allows one to express one’s thoughts and emotions even in a foreign land.

For this reason, the Associazione Eco, has thought about the need to offer an empathic and dialogic dimension for those who live in a foreign land in order to create a psychological space where they can feel recognized, where to place and reconstruct a common thread of their existence and where to overcome moments of “dissociation” in which the individual feels disoriented and risks developing ineffective ways of survival, with repercussions on work or school success.

Not being able to offer a service in all the languages ​​of the world we have thought of English as an effective way to break down the barriers within a psychological session, being now the most important language for exchanges and part of the baggage of the new generations!

Hence the new project of Psychological Therapy in English to respond to the growing requests from the numerous foreigners who live in our territory and who do not quite master Italian to undertake a treatment in our language.

The path foreseen by the Psychological Therapy Project in English includes 10 sessions at a discounted price for students and workers in need, starting from € 250. The first informative interview has a cost of € 10.

For more information contact us!

Associazione Eco

http://ecoassociazione.it/

Dr. Valeria Lussiana

3402248813